DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa MARIAPAOLA CECCATO

 

( d.lgs. n. 59/98, dell’art. 25, comma 5, d.lgs. n.165/2001 )

COLLABORATORE VICARIO SEDE

art. 65, comma 5, del d.lgs. n. 165/2001 e art. 34 CCNL 2006-09)

Collaborazione con il Dirigente su tutta la gestione dell’attività scolastica

Sostituzione del Dirigente in caso di assenza con potere di firma degli atti urgenti previa consultazione del dirigente.

Presidenza di riunioni interne e partecipazione a incontri con organismi esterni su delega del Dirigente

Predisposizione di circolari

Controllo della puntualità dei docenti con relazione al dirigente

Gestione dei casi di sospensione con obbligo di frequenza e svolgimento di lavori utili

Gestione permessi uscite e permessi permanenti

Relazione con le famiglie su delega del dirigente

Organizzazione di Consigli di classe e scrutini e impostazione verbali

Collaborazione all’organizzazione dei consigli di classe e degli scrutini

COLLABORATORE SEDE COORDINATA

Presidenza di riunioni interne e partecipazione a incontri con organismi esterni su delega del Dirigente

Collaborazione con il dirigente per la gestione complessiva della sede ( evidenziare problemi, proporre soluzioni)

Controllo della puntualità dei docenti con relazione al dirigente

Controllo dell’entrata dei ragazzi al mattino

Gestione delle assemblee

Gestione dei casi di sospensione con obbligo di frequenza e svolgimento di lavori utili

Gestione permessi per ritardi/uscite

Verifica delle giustificazioni e relativa relazione con le famiglie

Relazione con le famiglie su delega del dirigente

Coordinamento tutoraggio e peer tutoring

Sostituzioni di colleghi assenti con firma autonoma

Verbalizzazione delle sedute del Collegio docenti

RESPONSABILE DELLA DOCUMENTAZIONE E DEI RAPPORTI CON LA REGIONE-COORDINATORE

SERALE

Cura, in accordo con la dirigenza e lo staff, la revisione della documentazione valutativa e/o di programmazione

Supporta i coordinatori di materia nella gestione della documentazione di programmazione

Coordina e supporta i docenti e la segreteria nell’attività dei gestionali della Regione

Partecipa allo staff dirigenziale con funzione consultiva

Tiene i rapporti con la Regione per accreditamento

Collabora con la dirigente ed il collaboratore vicario in caso di assenza di quest’ultimo

Coordina l’attività del corso serale

ORGANIGRAMMA 201 6/201 7

Pagina 3 di 9

COORDINATORE DELL’AREA TECNICA SEDE COORDINATA

Coordina, in accordo con la dirigenza e lo staff, l’attività tecnica della sede coordinata

Supporta il collaboratore del dirigente nella sede coordinata e lo sostituisce in caso di assenza

Partecipa allo staff dirigenziale con funzione consultiva

COMITATO TECNICO SCIENTIFICO

Ad esso appartengono:

Il Dirigente Scolastico;

Il DSGA;

il Responsabile dell’Ufficio Tecnico;

I referenti delle aree di indirizzo del triennio;

I referenti esterni del mondo del lavoro.

Il CTS si incontra con suddivisioni nei due rami : Apparati e motori:

Ad esso sono delegati i seguenti compiti e responsabilità:

Il CTS ha funzioni consultive e di proposta per l’organizzazione delle aree di indirizzo e per l’utilizzo degli spazi di autonomia e

flessibilità.

Opera per un reale ed efficace raccordo tra gli obiettivi educativi e formativi dell’istituto e le esigenze professionali del territorio,

espresse dal mondo del lavoro e della ricerca.

Le proposte del CTS hanno carattere consultivo, ma impegnano il Collegio Docenti a deliberare in merito alla loro realizzazione.

In particolare, il Comitato:

1. Formula proposte e pareri al Consiglio di Istituto ed al Collegio dei Docenti in ordine ai programmi e alle attività

didattiche e formative, con funzione orientativa e di indirizzo rispetto all’elaborazione dell’offerta formativa.

2. Analizza gli aspetti tecnici e scientifici dei piani di innovazione, agevolandone la traducibilità nella pratica didattica.

3. Svolge funzioni di coordinamento tra le molteplici attività organizzate dalla scuola (stage, alternanza scuola-lavoro,

progetti di orientamento, fabbisogni professionali del territorio.)

4. Monitora e valuta le predette attività.

Il CTS di INDIRIZZO si riunisce almeno una volta all’anno (programmazione, monitoraggio in itinere, consuntivo delle attività

svolte e previsione per l’anno successivo) e quando ne faccia richiesta almeno un terzo dei componenti.

COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE E QUALITÀ D’ISTITUTO

Il responsabile del settore è il dirigente, coadiuvato dal comitato di valutazione e dalla commissione di Autovalutazione. A tale

commissione appartengono inoltre alcuni docenti della sede centrale e coordinata che coadiuvano la dirigenza nella raccolta ed

analisi dei dati, che vengono proposti ai docenti per una riflessione e alle famiglie tramite il sito.

DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI

Il Direttore SGA - le cui funzioni sono descritte nell’art. 25 c. 5 del D.Lgs 165/01, nell’art. 16 DPR 275/99, nel D.I. 44/01 e nel

CCNL 2007, con riferimento allo specifico profilo professionale - all’inizio dell’A.S. deve provvedere ad una mole qualitativa e

quantitativa di importanti e complessi adempimenti:

1. Relazione per verifiche e modifiche al Programma annuale (art. 6 c. 6 D.I. 44/01, il termine del 30 giugno è

ordinatorio).

2. Formalizzazione proposta piano attività personale ATA (ivi comprese le attività di aggiornamento) e attuazione del

piano una volta adottato dal Dirigente (art. 53 c. 1 CCNL 2007 e art. 25 D.Lgs 165/01). In questo ambito vanno

ORGANIGRAMMA 201 6/201 7

Pagina 4 di 9

inserite le attività riguardanti i servizi generali esternalizzati ( appalti ed Ex LSU ) per le Scuole interessate da questo

fenomeno.

3. Attribuzione incarichi di carattere organizzativo al personale ATA. Autorizzazione per prestazioni eccedenti l’orario

d’obbligo (nei casi di necessità e urgenza) e per l’intensificazione della prestazione lavorativa (art. 46 tab. A CCNL

2007 – profilo professionale e art. 25 D.Lgs 165/01).

4. Quantificazione fondo d’istituto anno scolastico 2012/2013 e certificazione delle economie del fondo medesimo al

31/08/2012.

5. Eventuale esercizio di funzioni dirigenziali delegate (artt. 5, 17 e 25 D.Lgs 165/01 e art. 32 D.I. 44/01).

6. Coadiuzione del Dirigente Scolastico nell’esercizio delle sue funzioni organizzative e amministrative (art. 25 c. 5 D.Lgs

165/01).

7. Attribuzione di eventuali deleghe agli assistenti amministrativi per la tenuta del registro dei verbali dei Revisori dei

Conti e l’esercizio delle funzioni di Ufficiale rogante /art. 44 c. 6 e 60 c. 1 D.I. 44/01).

8. Predisposizione elenchi aggiornati al 1° settembre di tutto il personale, dei genitori e degli alunni.

9. Sistemazione, acquisizione, trasmissione dei fascicolo del personale e degli alunni.

10. Verifica e aggiornamento di tutte le password per la gestione attraverso il SIDI, le gestioni di software autonomi e di

tutti i collegamenti telematici per le comunicazioni ON-LINE.

FUNZIONI STRUMENTALI

Le funzioni strumentali ricoprono le seguenti AREE all’interno delle quali sono esplicitate le COMPETENZE:

1 ORIENTAMENTO IN INGRESSO E IN USCITA

Gestione materiali pubblicitari

Gestione calendari e organizzazione eventi a scuola e sul territorio

Organizzazione laboratori orientanti

Rendicontazione

Inserimento CV e sondaggio occupazione

2 INTERVENTI PER GLI STUDENTI

Accoglienza classi iniziali

Educazione alla cittadinanza, solidarietà e lavoro

Donazione sangue

Educazione alla salute

Sostegno assemblee studentesche

Scuola superiore competente

3 REALIZZAZIONE PROGETTI FORMATIVI D’INTESA CON ENTI ED ISTITUZIONI ESTERNI ALLA

SCUOLA

Alternanza scuola lavoro-Stage

Imprese formative simulate

4 PROGETTI BOVOLONE

Invalsi

Sostegno assemblee

Stage

Corsi estivi

Bes

COORDINATORI DI MATERIA

1. collabora con la dirigenza, il personale e i colleghi;

2. partecipa allo staff di direzione, nella sua componente variabile a seconda della materia di discussione;

3. rappresenta il proprio dipartimento;

4. tutte le volte che lo ritenga necessario ed entro il monte ore annuo fissato dalle norme contrattuali vigenti, convoca, di

norma con un preavviso minimo di 5 giorni, le riunioni di materia/ dipartimento, comunicandone data e orario alla

dirigenza;

ORGANIGRAMMA 201 6/201 7

Pagina 5 di 9

5. raccolte e analizzate le necessità didattiche, sulla scorta delle indicazioni dei referenti di classe e delle richieste

presentate da singoli docenti, collabora alla statuizione dell’ordine del giorno;

6. presiede, in assenza alle riunioni del dirigente scolastico, il dipartimento le cui sedute vengono verbalizzate sul registro

verbali da un docente nominato a turno come segretario

7. rappresenta il dipartimento nel Collegio docenti

8. funge da tramite tra il dipartimento e l’Ufficio Tecnico, soprattutto in relazione al piano degli approvvigionamenti

9. cura la stesura della programmazione e raccoglie le modifiche dei colleghi, verificando con la dirigenza la

corrispondenza tra i programmi svolti e quelli preventivati, durante tutto l’anno.

COORDINATORI DI CLASSE

1. presiede, in qualità di delegato del Dirigente, le riunioni del consiglio in assenza del Dirigente;

2. prepara le riunioni dei consigli di classe e cura i contatti con i rappresentanti di classe (genitori ed alunni); diventando il

tramite di questi con il CdC e la Dirigenza;

3. partecipa ad eventuali incontri con gli altri coordinatori in vista degli scrutini;

4. mantiene un contatto costante con i colleghi del consiglio di classe, con tutti i mezzi che ritiene più opportuni;

5. rileva, con l’aiuto dell’intero consiglio di classe, le eventuali situazioni di disagio personale e scolastico anche al fine di

un adeguato e tempestivo riorientamento e ne relazione alla Ds;

6. valuta, insieme agli altri insegnanti, la necessità di ulteriori iniziative, quali colloqui con le famiglie o l’intervento di

psicologi / esperti esterni a livello individuale oppure di classe;

7. raccoglie informazioni dai colleghi e le condivide con il Dirigente circa il piano di accompagnamento degli alunni che

provengono da altre scuole;

8. verifica con frequenza settimanale le assenze degli alunni sul registro elettronico di classe e contatta direttamente le

famiglie per eventuali problemi di frequenza;

9. verifica le firme sui libretti personali, coadiuvato dai colleghi della prima ora in caso di eventi improvvisi

10. assume l'iniziativa, ove ne ravvisi la necessità, di contatti anche telefonici con la famiglia;

11. si fa promotore, in presenza di problemi urgenti, per la convocazione di riunioni straordinarie del consiglio;

12. raccoglie periodicamente notizie sul profitto e sul comportamento dei singoli allievi,tramite il registro di classe, in modo

da poter fornire al consiglio e, se necessario, alla Presidenza, un quadro aggiornato dell’andamento della classe, ai fini

dell’attivazione di interventi di sostegno, anche senza la convocazione dell’intero cdc

13. si relaziona con eventuali alunni tutor dei propri allievi;

14. raccoglie i nominativi dei colleghi disponibili per le visite aziendali

15. coordina lo svolgimento del progetto accoglienza nelle classi prime;

16. coordina lo svolgimento delle prove d’ingresso in particolare nelle classi prime (e terze), raccogliendone e

sistematizzandone i risultati secondo le modalità segnalate dalla Presidenza, al fine di delineare i livelli di partenza

degli studenti nelle diverse aree disciplinari, compreso il livello di scolarizzazione e il metodo di studio, e decidere, di

concerto con il cdc, tempi, tipologia e modalità delle azioni e degli interventi didattici necessari a favorire il successo

scolastico degli studenti

17. presiede l'assemblea dei genitori convocata per l'elezione dei rappresentanti dei genitori nel consiglio di classe e illustra

la normativa relativa allo svolgimento delle elezioni e al funzionamento degli organi collegiali;

18. cura, in occasione dello scrutinio finale, il ritiro ed il deposito in Segreteria di copia del programma effettivamente

svolto da parte degli insegnanti del consiglio di classe e supervisiona le lettere da inviare alle famiglie degli studenti in

sospensione di giudizio con le indicazioni delle carenze riscontrate e dei lavori da svolgere in vista delle verifiche finali;

19. predispone i giudizi personalizzati per le bocciature e la presentazione della classe per gli scrutini finali

20. coordina la preparazione e lo svolgimento delle terze prove per le classi quinte;

21. coordina nelle classi quinte tutte le attività finalizzate alla preparazione degli studenti all’Esame di Stato e cura la

stesura del Documento del CdC del 15, raccogliendo i documenti dei colleghi

22. nelle classi terze iefp controlla i giudizi e i voti relativi per l’esame di qualifica

COLLABORATORE DEL COORDINATORE ( SEGRETARIO)

La funzione del collaboratore del coordinatore può essere espletata durante le sedute dei consigli.

Redigere il verbale durante le sedute del consiglio in firmato elettronico

Condividere il verbale con il coordinatore e correggerlo

ORGANIGRAMMA 201 6/201 7

Pagina 6 di 9

RESPONSABILE UT ( UFFICIO TECNICO)

Il responsabile UT, assolve ai seguenti compiti ed assume le seguenti responsabilità:

Gestione della manutenzione ordinaria dell’edificio scolastico:

Coordina e controlla la realizzazione degli interventi.

Nel caso di interventi da parte di ditte esterne dovrà:

Definire il capitolato per l’intervento sentendo più esperti e/o ditte del settore;

Individuare almeno tre ditte a cui chiedere preventivo;

Esaminare le proposte dando parere da un punto di vista tecnico/economico.

Inoltre:

Collabora con i Responsabili di Reparto nella gestione del settore manutenzione, strumentazione e materiale tecnico

presente nei laboratori, in collaborazione con i responsabili di reparto:

Mantiene rapporti costanti con le aziende esterne per valutarne prodotti e tecnologie;

Raccoglie e sollecita le richieste di rinnovo/miglioramento dei laboratori;

Raccoglie le richieste e le inserisce in piani d’acquisto delle attrezzature e dei materiali necessari ai vari laboratori;

Definisce i capitolati tecnici degli acquisti per materiali ed attrezzature e collabora con il DSGA nelle procedure per

l’acquisizione di preventivi;

Esprime parere tecnico sulle offerte sentendo i responsabili di reparto;

Presenta i piani d’acquisto al Comitato Tecnico scientifico e alla commissione acquisti.

RESPONSABILE RSPP (RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE)

Al responsabile RSPP sono delegati i seguenti COMPITI e RESPONSABILITÀ

Gestione dei compiti inerenti alla sicurezza nell’ ambiente scolastico e al relativo aggiornamento del personale in

qualità di Responsabile della Sicurezza Prevenzione e Protezione (RSPP):

La stesura e l’aggiornamento (almeno annuale) del piano di rilevazione dei rischi e ne cura l’informazione, la

distribuzione e la pubblicità dello stesso;

L’ aggiornamento dei documenti esistenti, inerenti la valutazione dei rischi ai sensi del D.L.vo n. 81/08;

Il controllo di planimetrie e segnaletica;

Il controllo delle coperture assicurative per quanto non tutelato da INAIL;

L’ istituzione e la tenuta del Registro di Prevenzione Incendi;

L’ istituzione e la tenuta del Registro delle Manutenzioni;

La stesura e l’aggiornamento del piano di emergenza;

Cura l’istruzione del personale in esso coinvolto;

Organizza le prove di evacuazione degli edifici (almeno due volte all’anno) in caso di emergenza;

Mantiene i contatti con le organizzazioni di protezione civile, vigili del fuoco...;

Predispone le richieste di intervento urgente all’ente gestore (art.4 del DLgs 626/94);

Raccoglie le richieste provenienti dal RLS, qualora sia nominato;

Individua gli addetti all’attuazione del servizio di prevenzione e ne controlla la formazione;

Elabora la relazione finale da trasmettere agli Organi competenti;

Mantiene uno stretto contatto con il Dirigente sulle problematiche in oggetto.

Addetti all’attuazione del servizio di prevenzione

Sul piano di valutazione dei rischi, programmazione, realizzazione e verifica della prevenzione nell’istituzione scolastica

Collabora con ASPP e RLS in ogni occasione venga richiesto

RESPONSABILI DI LABORATORIO

Sovrintendere, con l’aiuto degli A.T. alla custodia del Laboratorio e alla cura dei beni inventariati;

Sovrintendere , con l’aiuto degli A.T. all’ordine delle attrezzature. Tale ordine deve essere correlato al logico utilizzo

didattico, quindi associato alle esperienze realizzabili.

ORGANIGRAMMA 201 6/201 7

Pagina 7 di 9

Segnalare in Ufficio Tecnico, tramite apposito modulo, i guasti riscontrati alle attrezzature, alle macchine e agli

strumenti del Laboratorio. Il Responsabile di reparto provvede ad effettuare l’analisi del guasto decretando l’eventuale

impossibilità di riparazione interna dell’attrezzatura, macchina o strumento.

Curare, insieme all’A.T., la strumentazione. Il Responsabile di reparto organizza, con l’A.T. la manutenzione ordinaria

degli strumenti.

Proporre, in collaborazione con i docenti che fruiscono del laboratorio, un progetto di manutenzione e recupero che

preveda l’acquisto e l’integrazione delle attrezzature.

Entro il 10 giugno di ogni anno scolastico, il Responsabile di reparto, ordina il materiale di consumo necessario e

riferito a tutte le classi che utilizzeranno il laboratorio nel prossimo anno scolastico.

Verificare l’adeguatezza del regolamento di accesso al laboratorio e verificare il rispetto del suddetto regolamento.

Fissare le procedure idonee e sicure per un corretto ed efficace utilizzo del laboratorio.

Curare, in collaborazione con l’A.T. e il Responsabile di Magazzino, il carico/scarico del materiale di reparto.

Provvedere, in collaborazione con l’A.T. a richiedere, durante l’anno scolastico, al Responsabile di Magazzino, il

materiale di consumo necessario per le esercitazioni del proprio laboratorio.

Curare, insieme all’A.T. la conservazione delle chiavi degli armadi, cassettiere e quant’altro presente in laboratorio.

Proporre, all’Ufficio Tecnico, l’eventuale sistemazione logistica del laboratorio.

GRUPPO ORARIO

Ad esso appartengono alcuni docenti (di cui uno coordinatore), affiancati da un assistente amministrativo.

Ad esso sono delegati i seguenti COMPITI E RESPONSABILITÀ:

Definisce i criteri didattici che stanno alla base dell’elaborazione dell’orario;

Raccoglie i desiderata (sia personali sia didattici) da parte dei docenti;

Definisce i criteri di priorità nei desiderata proposti dai docenti;

Elabora gli orari dei singoli docenti;

Elabora gli orari delle singole classi;

Elabora i turni di sorveglianza durante l’intervallo

COMMISSIONE ELETTORALE

La Commissione è costituita da:

un docente;

un rappresentante degli ATA;

un Alunno;

un Genitore.

Ad essi sono delegati i seguenti COMPITI E RESPONSABILITÀ:

curano la predisposizione delle elezioni interne;

controllano la proclamazione degli eletti.

COMITATO DI VALUTAZIONE

Il Comitato di valutazione del servizio docenti è nominato con incarico triennale. Di esso fanno parte anche un dirigente

scolastico esterno, un genitore ed un alunno.

Ad esso sono delegati i seguenti COMPITI E RESPONSABILITÀ (art.448, co.2 -3 -4,D.Lgs 297/94 e L 107/2015):

formula i criteri per l’attribuzione del bonus al personale docente ( completo di tutti i membri)

formula un parere sulla vlautazione del servizio del personale docente sulla base di un’apposita relazione del D.S N (

solo con la componente docenti).;

ORGANIGRAMMA 201 6/201 7

Pagina 8 di 9

REFERENTE H-COORDINATORE DEL SOSTEGNO

1. accede alle valutazioni degli alunni della classe ove sono inseriti gli alunno certificato ai sensi della legge 104/92;

2. accede agli strumenti per realizzare l’eventuale digitalizzazione del materiale didattico;

3. convoca il GLH/GLHO, partecipa al GLI

4. incontra con cadenza mensile i colleghi del coordinamento di sostegno per una verifica dello sviluppo e dell’attuazione

dei PEI, propone soluzioni alle problematiche emerse e si relaziona con la Dirigente per l‘attuazione delle misure di

miglioramento.

5. coordina e sviluppa la certificazione delle competenze per gli alunni che seguono una programmazione differenziata

con Pei;

6. definisce le modalità di certificazione delle competenze relative all'uso degli strumenti e delle metodologie per

l'accessibilità per alunni con L104/92;

7. è consultato obbligatoriamente in fase di definizione degli aspetti di accessibilità per le aule e l'organizzazione

scolastica;

8. è consultato obbligatoriamente per la scelta dei libri di testo in relazione alle condizioni di accessibilità;

9. è consultato obbligatoriamente in fase di assegnazione degli alunni certificati 104/92 alle classi.

10. è tutor di eventuali colleghi in tirocinio diretto e indiretto, che stanno acquisendo la specializzazione per il sostegno.

11. realizza il portfolio in formato digitale per ciascun alunno certificato ai sensi della legge 104/92.

REFERENTE DSA- BES

1. Insieme al coordinatore, se necessario, contatta gli specialisti che hanno redatto la certificazione per ottenere tutte le

indicazioni operative che devono essere riportate nel Pdp

2. verifica che vengano applicate le indicazioni e le linee guida relative agli alunni con DSA

leggendo i vari PdP prodotti e accertandosi che siano conformi alle varie normative.Eventualmente fornisce indicazioni

in merito.

3. verifica che ai vari coordinatori arrivino tutte le informazioni relative ai ragazzi DSA, già presenti e nuovi

4. favorisce i rapporti tra le famiglie degli alunni con DSA e i relativi consigli di Classe, anche in fase di accompagnamento

nel momento del cambio di classe o di docenti ( es: dalla seconda alla terza).

5. fornisce supporto ai docenti per compilare il PdP, anche predisponendo la pubblicazione sul sito dell’ istituto del

materiale utile per le problematiche dei DSA in apposito spazio riservato sul portale, con indice accessibile a tutti i

docenti

6. propone l’acquisto di software o materiale utile, dopo averne studiato le caratteristiche anche con l’ausilio di colleghi

esperti, e cerca le soluzioni più economiche anche raccordandosi con altre scuola.

7. Partecipa al GLI

REFERENTE STRANIERI

1. Si occupa di coordinare tutte le attività interne ed esterne alla scuola per l’integrazione degli alunni stranieri, anche in

collaborazione e in rete con associazioni o altre istituzioni scolastiche.

2. Partecipa al GLI

GLI

Il gruppo H è costituito da:

Il Dirigente scolastico

Referente H

Referente DSA

Referente stranieri

1 genitore e 1 alunno

1 membro ASL

ORGANIGRAMMA 201 6/201 7

Pagina 9 di 9

Tale gruppo ha lo scopo di pianificare all’inizio dell’anno scolastico e verificare a consuntivo gli interventi relativi ai bisogni

educativi dei diversamente abili e all’integrazione degli alunni con bisogni educativi speciali. Esiste poi all’interno dell’istituto un

GRUPPO DI LAVORO TECNICO che si occupa dei problemi applicativi relativi all’integrazione e alla didattica speciale.

COMMISSIONE PASSAGGI

La Commissione è costituita da:

Dirigente Scolastico

Docenti esperti dei diversi settori

Nell’analisi delle domande di passaggio la commissione sarà affiancata da docenti del biennio o del triennio in rapporto alle

richieste pervenute.

La commissione passaggi assume i seguenti COMPITI:

Valutare le domande di passaggio pervenute;

Raffrontare i programmi della scuola di provenienza con i programmi dell’istituto;

Proporre gli eventuali esami integrativi;

Proporre corsi di recupero al fine di garantire uguali punti di partenza.

COMMISSIONE VIAGGI DI ISTRUZIONE

Si occupa dell’espletamento delle pratiche per i viaggi di istruzione, con il supporto della segreteria, e della consulenza ai docenti

referenti di viaggi, uscite e visite didattiche.

REFERENTE INVALSI

Si occupa di coordinare le attività di preparazione e rendicontazione Invalsi. E’ suddivisa tra la sede e la sede coordinata.

REFERENTE AGGIORNAMENTO

Raccoglie e coordina le proposte dei colleghi, curandone la diffusione nella sezione del sito. Raccoglie le presenze ai corsi

organizzati.

TEAM DIGITALE

Si occupa della diffusione della cultura digitale, in collaborazione con l’Animatore digitale, in ogni settore dell’Istituto.

Il Dirigente Scolastico

Prof.ssa Mariapaola Ceccato

La firma è omessa ai sensi dell'Art. 3, D.Lgs. 12/02/1993, n. 39